Gruppo di lavoro 2: Autonomia, Politica e Democrazia

Lun, 10/22/2012 - 14:18 - anton

1. Un nuovo modo di intendere la democrazia
La democrazia in futuro si svilupperà su quattro colonne:

  • una varietà di modelli di formazione partecipativo della comunità
  • reti sociali che arrichiscono le forme istituzionalizzate della democrazia.
  • Democrazia diretta, regolamentata per un uso agevole, di facile accesso, trasparente ed effettivo da parte dei cittadini con a) il diritto d’iniziativa (legislazione popolare), b) il diritto referendario (controllo delle decisioni della rappresentanza politica) - (vedi la proposta di „Iniziativa per più democrazia“)
  • Democrazia indiretta con una nomina libera e partecipativa dei candidati all’interno dei partiti nonché da parte di tutti gli aventi diritto al voto (a prescindere dalla loro cittadinanza) che sono residente da oltre cinque anni in provincia, limitazione dei mandati a due legislature, presenza paritetica dei sessi sulle liste e nell’assegnazione dei mandati, strutture federali e sussidiarie di organizzazione e deliberazione

2. Sviluppo dell’autonomia provinciale
in prospettiva di un Europa strutturata secondo il principio federale e sussidiario:

  • uno sviluppo pacifico e coinvolgente tutti i gruppi etnici dell’autonomi altoatesina secondo il principio della sussidiarietà autoresponsabile e solidale
  • elaborazione di una costituzione provinciale

3. Sviluppo dell’autonomia dei comuni
I comuni sono in tutti i sensi la base della strutturazione del sistema politico della società

  • all’interno verso i propri cittadini con diritti di partecipazione e deliberazione politica all’interno delle strutture comunali
  • verso l’esterno cioè nei confronti dell’amministrazione provinciale (finanziariamente e territorialmente)

4. Rafforzamento dei circuiti regionali, realizzazione dei principi democratici nel quotidiano

  • prodotti: precedenza ai prodotti locali e biologicamente puri
  • finanze: dal risparmiatore al capitale a disposizione dell’economia
  • innovazione: parte dall’essere umano ed è interdisciplinare

5. Sviluppo della participazione e la cooperazione a tuttii livelli

  • all’interno, intensificazione della cooperazione tra gli attori locali a tutti i livelli e in tutti i settori
  • verso l’esterno, ricerca di contatti e creazione di rete con regioni limitrofe